Archivi tag: sesso

La Multinazionale della Pedofilia

NOTIZIA STRAORDINARIA – Caso di pedofilia in Brasile. Nessun vescovo coinvolto. [Grazie Stone!]

Basta una battuta semplice ma efficace per capire quanto sia devastante lo scandalo finalmente emerso (ma siamo solo agli inizi, e se non s’insabbia il tutto ne vedremo ancora delle belle) degli abusi sessuali nella chiesa cattolica.
Eh già, ora finalmente è chiaro a tutti come la chiesa cattolica sia stata (ed e’ tutt’ora) la MULTINAZIONALE DELLA PEDOFILIA.
Per anni ho cercato di attirare l’attenzione degli amici cattolici su questo tema: negli Stati Uniti avevo vissuto in presa diretta lo sfacelo della chiesa cattolica, la sua bancarotta per le decine di migliaia di vittime, per le migliaia di preti, frati e suore coinvolte (ma anche vescovi e perfino qualche cardinale) e per la diffusione degli abusi sessuali  in ogni diocesi.
Ho inoltrato documenti e inchieste dei maggiori canali televisivi USA, indagini di autorevoli giornali americani. Qualcosa l’ho pubblicata anche su questo blog.

Chiedevo agli amici cattolici di affrontare la questione, che se ne parlasse, che fosse possibile avviare un dibattito, uno scambio di idee, di opinioni.

Nessuno di loro ha mai risposto.
Qualcuno l’ha fatto ora che lo scandalo è alla luce del sole (anche se quanto emerso è davvero poco rispetto a quanto è successo e tuttora succede all’ombra del crocefisso in canoniche, seminari, sacrestie, istituti, oratori e missioni cattoliche).
E le risposte sono così vergognose che mi vien da pensare che gli stupratori di bambini e i loro complici protettori, di ogni ordine e grado fino al soglio pontificio, siano pur sempre migliori dei loro laici fedeli.
Eccole:

“Che vergogna! Ma la mia fede non cambia: io vado in chiesa per pregare dio e non m’interessa di cosa fa il prete”.

“Talvolta anche i ragazzini e le ragazzine si vestono e si atteggiano in maniera provocante”.

“Ci sono pedofili anche fuori dalla chiesa”.

“Nella chiesa non sono tutti pedofili”.

Ma la più divertente è stata questa: “Pensa piuttosto all’Islam e a Maometto, il suo profeta pedofilo che sposava dodicenni!” “Ma sai che età aveva Maria quando il tuo Dio, attraverso lo Spirito santo, l’ha ingravidata?– “12 o forse 13 ma lui non l’ha mica sverginata!”.

Non un autocritica, non una richiesta di conoscere chi è responsabile di quanto è successo, non un tentativo di capire perché, non una parola per le vittime: evidentemente sono a loro perfetto agio nella MULTINAZIONALE DELLA PEDOFILIA.

Una brava scrittrice, che conosce bene il silenzio dei cattolici, ha scritto un libro e ha fatto un blog chiamandoli Viaggio nel Silenzio. Buona lettura.

UN PO’ DI DOCUMENTAZIONE

La situazione in ITALIA, negli USA, in Irlanda (Rapporto della Commissione Governativa Murphy), in Canada, in Germania… perfino tra gli eschimesi!

La lettera pastorale del Papa ai cattolici d’Irlanda: un grande atto di accusa (degli altri) e assoluzione (di sé stesso e del Vaticano) malgrado ci siano testimonianze che accusano lo stesso Papa Ratzinger di essere stato a conoscenza di quanto avvenisse  (linchiesta del NYT sul caso Murphy, 200 bambini molestati sessualmente in un istituto nel Wisconsin – USA, e il caso di padre Peter Hullermann stupratore di decine di bambini nella diocesi dell’allora vescovo Ratzinger). 

Berlusconi ha tanta FIGA ma porta SFIGA

Gli italiani sono un popolo di marinai, santi, navigatori, ecc, ecc…..molto poco inclini a preoccuparsi della cosa pubblica tanto da non preoccuparsi del malgoverno generalizzato. Non temono le leggi, le autorità, ma non parlategli di sfortuna, iella, malocchio, di questo hanno massimo timore. Ma allora perchè il 70% (fonti governative) danno fiducia a silvio b. ?

Riflettiamo, quando è al governo:

  • la nazionale di calcio non vince nulla e rimedia solo brutte figure;
  • è scoppiata la peggior crisi economica dal 1929
  • scoppia un treno in mezzo a Viareggio e fa 30 morti (peggior disastro ferroviario da anni)
  • terremoto in abruzzo più di 200 morti
  • alluvione in sicilia altre decine di morti
  • sta arrivando una PANDEMIA (l’ultima me l’ha raccontata mio nonno, era l’inizio dello scorso secolo)
  • un nero diventa presidente degli USA e fa morire di crepacuore Michael Jackson…

Non sono cose che possiamo imputargli in prima persona, però uno che se la tira in questo modo è meglio perderlo che trovarlo.

Aggiungi anche tu qui le altre sfighe che ci ha portato, raccogliamo tutto e lo mandiamo ai quei geniacci del PD per la prossima campagna elettorale. Linfa nuova anche per loro!

Le grandi inchieste di Libero.it

Ho la fortuna di avere un account di posta in Libero: ogni giorno, quando voglio consultare la posta, accedo dalla home page del portale. Ogni giorno Libero ci propone (o ci propina) grandi approfondimenti di attualita’, inchieste giornalistiche degne di nota.

Per esempio, ieri il tema affrontato era assai spinoso e di difficile trattazione:  la ninfomania.  Come ogni articolo che si rispetti, l’approfondimento era integrato da un servizio fotografico di alto spessore. Didascalie chiare e commoventi, del tipo: “ninfomania: un disturbo psicologico che sfugge alle definizioni ma che causa sofferenza a chi ne e’ affetta” (ma siamo sicuri?), “Un esempio di ninfomania? Non lo sapremo mai ma forse l’episodio può essere l’occasione per affrontare il tema della ninfomania, termine troppo spesso usato a sproposito” (ma che vuol dire?).

E’ proprio vero che tira piu’… Vero, cari editori del portale Libero?

Luca

Prigionieri del sesso

Festa grande per i carcerati: mentre si pensa a svuotare le carceri adottando l’uso del braccialetto elettronico (ne ha parlato ampiamente travaglio qui), e a predisporre celle direttamente in tribuna per permettere ai galeotti di godersi la cempions, in consiglio dei ministri si approva una legge che ri-riempie le carceri di puttanieri e soprattutto prostitute.

Evvai! niente case chiuse ma bordelli direttamente in carcere.

Ma non potrebbero mettere il braccialetto direttamente a chi va con le prostitute, collegato magari con il cellulare della moglie, invece di mandare in giro veri criminali (sebbene dotati di bigiotteria elettronica)?

Si puo’ definire puttaniere anche chi paga la prestazione con cariche di governo?

Latrin Lover

Mercoledì 30 luglio, il Presidente del Consiglio mostra ai giornalisti la fitta agenda di lavoro che l’aspetta. E’ una giornata in crescendo quella del premier: gli incontri noiosi con i collaboratori, il proprio avvocato, l’amico pregiudicato e l’anziano dissociato e paranoico vengono sbrigati in mattinata. Via via che si fa sera, gli appuntamenti si fanno sempre più interessanti: la caliente Evelina, la procace Antonella e l’affettuosa Nunzia. Più cala il buio, più avvincenti, stimolanti ed appassionanti si fanno i rendez-vous: alle 20 e 30 arriva Selvaggia.

A prova dell’immane stress per l’inaudito carico di lavoro cui è quotidianamente sottosposto il Nostro, c’è la nota autografa “Al Presidente N°1, N°1 al Presidente con più vittorie…più vittorioso nella storia del calcio. Milan a.c. Campione del Mondo. N°1 nella storia del calcio”: se l’è scritta da solo, un caso di inquitante autotraning, almeno dal punto di vista psichiatrico. Dei problemi dell’Italia come la crisi economica, il dramma dei precari, i salari erosi dall’inflazione eccetera eccetera nemmeno un cenno.

La Repubica

La carne di femmina viene venduta un tanto al chilo. Anche sui siti dei quotidiani italiani considerati tra i più autorevoli. Si fà a gara a chi mostra più culi, cosce e tette, a chi mette in vetrina più veline svestite, pin-up denudate, modelle spogliate, aspiranti vip scoperte. Rivaleggiano a chi espone più peli pubici, si contendono i capezzoli, si sfidano all’ultimo inguine. D’altronde, di cos’altro di importante dovrebbero parlare i grandi giornali (e giornalisti) italiani in tempi in cui puttanelle e baldracchette fanno le ministre?

Porci senza ali

“Solo chi è puro e senza peccato può ricevere l’ostia consacrata” (papa Ratzinger)

Ecco come si prepara Sydney per accogliere quei puri ed immacolati dei papa boys nella loro XXIII Giornata Mondiale della Gioventù

La visita del papa e delle centinaia di migliaia di cattolici daranno un’impennata agli affari” (ed i bordelli della città si stanno attrezzando…)