Vaticalia

Panico tra i fedeli.

Provano smarrimento e vergogna, sentono crescere lo sgomento e l’indignazione, avvertono ansia e turbamento e rabbia, tanta rabbia.

Il loro onore è stato ferito, la loro coscienza offesa, la loro fiducia tradita.

Tutta colpa di questa pubblicità.

Vaticalia

Dopo veementi lagnanze e vibranti proteste è stata rimossa e la motivazione del divieto è che la frase “Liberi di non credere in Dio” lede la sensibilità dei credenti.

 C’è da credere che se un piccolo, innocuo spot infastidisce i credenti al punto da esigerne l’immediata censura, la notizia qui sotto dovrebbe sconvolgere la loro psiche, turbare i loro sogni, scandalizzarli, sbalordirli, disorientarli, confonderli, indignarli.

 Abusi su minori irlandesi

E invece, come tutte le altre notizie che da anni raccontano dei numerosi casi di pedofilia nella Chiesa cattolica in ogni parte del globo terracqueo, non lascerà alcun segno sulla loro anima così delicata e sensibile e rimarrano in silenzio, complici omertosi di una tragedia che distrugge l’infanzia di bambini, pregando il loro buon dio che siano quelli degli altri e non i propri.

Annunci

4 risposte a “Vaticalia

  1. I posteri irrideranno i nostri tempi, gli ultimi rigurgiti di censura, il canto del cigno di coloro che pensano che nella società dell’informazione si possa censurare. Ogni censura deve invece essere ripresa da 10, 100, 1000 blog indipendenti e rilanciata fino a coprire di ridicolo gli autori della censura

  2. Penso che quelli dell’UAAR siano provocatori che credono di conoscere la verità assoluta. D’altro canto, la censura di tali pubblicità è ridicola e
    contrasta con l’articolo 21 della Costituzione.

    Morale: penso che ci voglia equilibrio nei giudizi, equilibri che purtroppo mancano in un paese alla deriva in cui assistiamo ad una lotta tra laicisti oltranzisti e integralisti cattolici.

    Sulla seconda parte del post, ribadisco la mia posizione espressa in passato: la Chiesa deve fare chiarezza e allo stesso tempo scomunicare e consegnare alle autorità questi criminali. Con questa omertà si rende complice. Le parole sono arrivate ( http://www.corriere.it/cronache/08_luglio_19/papa_preti_pedofili_6e6189c4-5558-11dd-bf7c-00144f02aabc.shtml ), ora attendiamo i fatti.

  3. Difficile trovare qualcos’altro di diverso dalla religione che, da sempre nella storia dell’umanità e ovunque nel mondo, ritenga di possedere verità assolute. Neanche la scienza ritiene di conoscere l’assoluto. Invece i credenti, bontà loro, l’hanno già raggiunto.

    Perché se uno dice di non credere o avere qualche dubbio in materia, debba essere considerato un istigatore, non lo so.

    M’accontento, però, del fatto che i tempi siano cambiati un po’ in meglio: qualche secolo fa li si bruciava vivi, oggi gli si dà dei provocatori. Si può far di meglio, ma va già bene così.

  4. A proposito di parole….le parole non costano niente

    http://viaggionelsilenzio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=2237325

    Eppure sarebbe meglio talvota restare zitti!

    “…ad accogliere Ratzinger c’era anche il cardinale George Pell, massimo esponente della Chiesa australiana e accusato di aver coperto i preti pedofili.”

    http://viaggionelsilenzio.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=1971218

    Cerca in Internet chi è il cardinale George Pell.

    Un aiutino?

    http://www.abc.net.au/news/stories/2008/07/08/2297082.htm

    Amen.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...