Fascisti sfasciati

Barack Gelmini

Il mio punto di riferimento è quello che sta facendo Barack Obama in America.(Maria Stella Gelmini, ministro dell’Istruzione, Corriere della sera, 27 ottobre 2008)

Questo è il momento di affrontare il nostro obbligo morale di garantire a ogni bambino un’educazione di primo livello, perché questo è il minimo che serve per competere in un’economia globale. Recluterò un esercito di nuovi insegnanti, pagherò loro retribuzioni più alte e darò loro maggiore supporto.(Barack Obama, discorso di accettazione della candidatura alla Casa Bianca per il Partito Democratico, 9 settembre 2008)

 

Ecco come la deforma del ministro Gelmini realizza quel che ha in mente Barack Obama.

 

Picconatore e Picchiatore

   

 

Annunci

3 risposte a “Fascisti sfasciati

  1. Ci vogliono ignoranti

    Chi sono i veri violenti?
    Quelli che manifestano legittimamente o quelli che mandano gli infiltrati per spaccare tutto e giustificare il trionfo delle sirene (meglio se quelle delle ambulanze!)?

  2. Peccato che Cossiga ci abbia rovinato la sorpresa finale, lui che aveva già visto il film. Ma, in effetti, ‘sto film non lo abbiamo già visto anche noi?

  3. Vergogna, da un senatore a vita ex presidente della repubblica un esempio devastante. Il timore che si arrivasse prima a scontri provocati e poi agli anni di piombo circola già in ambienti che vivono il problema dei tagli alle università/enti di ricerca/accademie e conservatori, ma la riforma Gelmini ha accelerato il perocorso, e il timore è orami certezza. Riforma, sì, non decreto: perchè di riforma si tratta. Si toccano elementi cuore di scuola e università, modificati per decreto e senza confronto con nessuno se non con i colleghi degli scranni del Parlamento che tanto votano senza ascoltare. Si tagliano fondi e si chiudono strade che non costano al paese (pagare ricercatori con fondi europei non costa al paese, perchè vietarlo?). Vergogna! E vergogna a chi continua a sostenere che questa è una buona politica per il Paese. Milioni di persone di nuovo senza lavoro, per strada all’imporovviso, con famiglie da mantenere, hanno un potenziale eversivo enorme: dove si vuole arrivare? di nuovo al ventennio? D’altro canto, i manganelli sono arrivati. Aspettiamo le purghe, rassegnati?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...