La scorta (ovvero Fede vs Saviano)

Due giorni fa mi è capitato di assistere ad uno spettacolo vergognoso. Emilio Fede, l’uomo più viscido d’Italia (a mio modesto parere), lo zerbino del PresDelCons, direttore e conduttore del TG4 (telegiornale noto per il suo equilibrio), stavolta non ha inscenato la solita sceneggiata contro il Veltroni o il Prodi di turno. Ha fatto di peggio. E’ riuscito a scaricare il suo fetido sarcasmo su una persona che con la bagarre politica non ha niente a che vedere: Roberto Saviano.

                     

L’autore di “Gomorra”, per raccontare la realtà della criminalità organizzata campana, con le sue faide e i suoi giri economici, ha deciso con consapevolezza di rinunciare a una buona fetta della sua libertà. Un eroe? Non so se sia corretto l’uso questo termine, ma sicuramente Saviano è un uomo coraggioso, che ha deciso di farsi portavoce di quella parte di giovani campani che voglio ribellarsi al “Sistema”. Chi ha letto il suo romanzo-denuncia (caldamente consigliato dal sottoscritto), può capire perché i boss abbiano indirizzato nei suoi confronti la sentenza di morte ed egli sia di conseguenza obbligato a girare sotto scorta.

 

Qual è stato il commento di “sua indecenza” il direttore al servizio che mostrava Saviano parlare ad una platea nella quale sedevano anche gli avvocati degli stessi boss mafiosi? Che questo signore (di 29 anni) cavalca l’onda mediatica, provocata dal fatto che vive sotto scorta, per puri interessi di profitto economico. Non pago, ha rincarato la dose affermando di potergli dar lezioni sulla vita sotto scorta.

 

Nell’attesa che un giorno Retequattro finisca su satellite, propongo di portare Emilio Fede al CERN di Ginevra: se mai si dovesse generare un buco nero, mi piace pensare che questo individuo sarebbe la prima cosa ad essere risucchiata.

 

http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/campania/cronache/articoli/2008/09_Settembre/10/fede_saviano.shtml

 

Luca

Annunci

4 risposte a “La scorta (ovvero Fede vs Saviano)

  1. Eppure un pregio Fede ce l’ha e grande.
    E ce l’hanno anche gli altri direttori e giornalisti di telegiornali suoi emuli e sodali, come lui ruffiani adulatori.
    Ce l’hanno pure i commentatori, i conduttori e gli opinionisti della TV a lui simili e affini, azzerbinati ai potenti e lecchini di professione.
    Ce l’hanno le trasmissioni idiote, gli sceneggiati insignificanti, i format insulsi, i contenitori futili.
    Tutti (e sono tanti, troppi!) mi hanno convinto a spegnere del tutto la televisione.

    E ho scoperto che è bellissimo farne senza.

  2. vale anche per me, in piu’, essendo io genovese, la televisione non l’ho neanche mai comprata.

  3. La televisione é un mezzo, non penso sia satana.
    É l’unico mezzo che ad oggi abbiamo a disposizione per dire alla quasi totalità di un paese una notizia, un avviso. Se devo avvisare la popolazione di non mangiare la mozzarella, ottengo l’obbiettivo.
    Anche su internet esistono centinaia di siti di fanatici, criminali o semplici zerbini di potere come il fido Emilio. Peró oggi é ancora di nicchia, increscita, ma di nicchia, e forse per questo meno controllata, meno asservita.
    La TV può essere un mezzo fantastico per informare, condividere in modo semplice e pervasivo.
    Per questo é la preferita dai fidi zerbini…

  4. concordo con il primo commento! Senza televisione, e soprattutto senza Rete4, si sta veramente meglio! buona giornata a tutti..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...